Pagine

martedì 28 dicembre 2010

Red Velvet Cake Natale 2010


Ho fatto la torta con questa ricetta.
Ho cotto in due tegliette di cm 23 di diametro, ho tagliato a metà le torte (4 parti) ma ne ho usate solo 3 parti. Ho sbriciolato un po' della quarta parte per la decorazione.
Per farcire e ricoprire ho raddoppiato gli ingredienti della crema e quindi ho usato:
Ho messo anche dei chicci di cioccolato fondente.

Per decorare
briciole di torta
alchechengi ((Physalis alkekengi)
ribes
sfogliette di oro alimentare

domenica 26 dicembre 2010

Frustine grissino


Ricetta di Ritabuzz del forum di Coquinaria che ho leggermente modificato così:

400 g semola grano duro (avrei dovuto mettere 600 g di semola ma non ce l'avevo)
200 g farina
350 g acqua
60 g strutto
1 cucchiaino sale
1 bustina di lievito di birra Mastro Fornaio
2 cucchiaini di zucchero

Per il ripieno
pomodori secchi sott'olio
origano
olive verdi
pasta d'acciughe
peperoncino
olio evo

Ho fatto un lievitino con 400 g semola, 300 g acqua, 1 bustina lievito, 2 cucchiaini zucchero e ho lasciato lievitare per circa un'ora.
Ho aggiungo 200 g farina, 50 g acqua, 60 g strutto, 1 cucchiaino di sale e ho lasciato ancora lievitare.
Ho tritato il pomodoro secco e le olive, ci ho mescolato l'origano, la pasta d'acciughe e il peperoncino.
Ho steso l'impasto lievitato in un rettangolo cm 30 x 50 circa. Ho tagliato delle strisce di circa 6 cm (rettangoli 6x30 cm).
Ho messo al centro il ripieno e un filo d'olio, ho piegato a metà le strisce (rettangoli 3 x30 cm), ho arrotolato, ho spolverizzato con farina (avrei voluto usare la semola ma l'avevo finita).
Una parte l'ho tagliata a metà (15 cm), una parte l'ho tagliata in pezzi di circa 8 cm
Ho messo le frustine su due teglie e ho lasciato ancora lievitare per circa un'ora.
Ho cotto in forno ventilato a 250°C per circa 35.

Mie note
Tolte dal forno e lasciate raffreddare sono croccantissime, il giorno dopo si sono ammorbidite ma io le ho messo nel congelatore e per Natale le ho scaldate (congelate) in forno e le ho servite. Ottime e croccanti come appena fatte!

Torta magica al cioccolato


Base al cioccolato
200 g cioccolato al 70%
150 g zucchero
3 uova
100 g farina
150 g burro
1 cucchiaino bicarbonato o lievito
1 pizzico  sale

Parte cremosa al latte e cacao
60 cl (circa 570 g) di latte intero
4 uova
50 g zucchero
3 cucchiai  cacao amaro (circa 25-30 g)

Glassa
circa 200 g nutella


Preparazione
Per prima cosa bollire il latte con il cacao, far fondere il cioccolato con il burro e lasciare raffreddare.

Base al cioccolato
Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto ben montato e schiumoso, aggiungere a poco a poco il cioccolato fuso con il burro e raffreddato.
Unire anche la farina, il lievito e il pizzico di sale. Amalgamare bene.

Parte cremosa al latte e cacao
Sbattere leggermente le uova con lo zucchero, aggiungere il latte e cacao.

Glassa
Spalmare di un abbondante strato di nutella una tortiera in silicone da 24 cm di diametro (io ho cotto in uno stampo 19x 24 cm).

Mettere lo stampo in silicone in una tortiera più grande per cuocere a bagnomaria.
Versare sopra alla nutella, prima la base al cioccolato e poi la parte cremosa al latte e cacao.

Mettere acqua nella tortiera più grande fino a 3/4 dell'altezza del contenitore in silicone, ricoprire con alluminio, cuocere in forno a 200°C per 20'.
Togliere l'alluminio, abbassare a 180° e cuocere per altri 30'-40'.

Lasciare raffreddare prima di sformare.

giovedì 16 dicembre 2010

Taralli pepe e mandorle

Ricetta trovata qui, nel blog "Lost in Kitchen".
Sono buonissimi e si mantengono fragranti e croccanti per più giorni.
Come suggerito da Scarabocchio, il loro nome è Taralli 'nzogna e pepe ('nzogna sta per sugna/strutto).

Io ho fatto così.

Lievitino
100 g farina
1 bustina lievito Mastro Fornaio
2 cucchiaini zucchero
60 g circa acqua tiepida

Impasto
500 g farina
200 g strutto
250 g circa acqua
2 cucchiaini sale
2 cucchiai pepe nero (rasi) (nella ricetta originale c'erano solo 2 cucchiaini)
200 g mandorle con la buccia

Preparare il lievitino che deve venire un impasto molto morbido. Farlo lievitare fino al raddoppio (circa un'ora).

Tritarle grossolanamente 100 g mandorle.
Mescolare i 500 g di farina con il sale ed il pepe, aggiungere lo strutto e sabbiare.
Impastare con il lievitino e l'acqua.
Aggiungere le mandorle tritate e lavorare l'impasto lo stretto necessario.
Formare con la pasta dei rotolini spessi 1 cm e lunghi 20 cm. Intrecciarli a due a due e chiuderli a ciambella.
Decorare le ciambelle con le mandorle intere. Lasciar lievitare per almeno due ore.
Cuocere in forno a 180° per circa 50'.

lunedì 13 dicembre 2010

Yogurt con fermenti

Lo yogurt pronto per mangiare.

Ho messo i fermenti in un contenitore trasparente e li ho ricoperti di latte.

Il giorno dopo sono così

Rovescio tutto in un colino e lascio scolare dentro una tazza

Getto via il liquido lattiginoso che è colato. Sciacquo la tazza.

Giro e premo bene con un cucchiaio quello che è rimasto nel colino.
Lo yogurt passa di sotto e i fermenti rimangono nel colino.

Sciacquo bene sotto l'acqua i fermenti, li premo, li sciacquo di nuovo, li premo... fino a quando l'acqua non è trasparente.

Li strizzo ben, bene.

Li metto di nuovo nella tazza e li ricopro di latte.
Conservo a temperatura ambiente nel contenitore ricoperto con un foglio di carta da cucina.
Il giorno dopo ho nuovamento lo yogurt.
In estate, quando è più caldo, lo yogurt si forma prima.

Esperimento
In primavera mi era venuto a noia di fare tutti questi passaggi e ho provato a congelare i fermenti.
Esperimento riuscito perché circa un mese fa li ho scongelati e ho ricominciato a fare lo yogurt.

mercoledì 8 dicembre 2010

Rosa di... formaggio


Guardate com'è bella quella che ha fatto Rosemary nel suo blog "A Mouse On The Table". C'è anche il video.
Questa è la mia prova. Scusate per la qualità delle foto ma la sera mi vengono così.


Servono fettine sottili di formaggio, palline di pera, carota e stuzzicandenti



La parte centrale del fiore è un po' grossa rispetto ai petali. La prossima volta farò meglio.

Lasagne ai carciofi


per 4 persone

5 lasagne fresche all'uovo
6 carciofi
150 g prosciutto crudo (nella ricetta originale prosciutto cotto)
150 g emmentaler
150 g mascarpone
burro
2 spicchi aglio
olio di semi
maggiorana
sale
pepe

Pulire i carciofi. Tritarne 4 e cuocerli nel burro con i due spicchi di aglio sbucciati, sale e pepe. Eliminare l'aglio e mescolare al mascarpone (nella ricetta originale i carciofi cotti e il mascarpone sono passati al mixer). Aggiungere la maggiorana.

Tagliare le lasagne in quattro parti (20 rettangoli), scottarli, scolarli e stenderli su un telo.
Disporre sulla teglia un rettangolo di pasta, mettere sopra un cucchiaio di carciofi con il mascarpone, un cucchiaio di prosciutto tritato, un cucchiaio di emmentaler grattugiato. Fare 5 strati di pasta e terminare con prosciutto e formaggio. Preparare anche le altre 3 porzioni e infornare a 220°C per 10'.

Intanto tagliare a spicchietti sottili gli altri 2 carciofi e friggerli nell'olio di semi. Poggiarli su carta per fritti e lasciarli da parte.

Quando le lasagne sono cotte, sistemarci sopra i carciofi fritti e servire.
Sono buonissime!

Note mie: ho cotto le lasagne in forno in una posizione troppo bassa e non si sono colorite. La prossima volta poggiare la teglia in posizione centrale.

Ricetta originale su "Sale & Pepe" dicembre 2010.

venerdì 3 dicembre 2010

Seppie in zimino Giovanna

Cipollina soffriggere in olio.
Buttare seppie (lavate e tagliate), far soffriggere e ritirare l'acqua che fanno. Unire peperoncino, pomodoro, spinaci già cotti e sale.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...