Pagine

martedì 10 maggio 2011

Canestrelli di Crevacuore: fatti

A sinistra i canestrelli di Lucia, a destra i miei

Nel post precedente avevo messo le foto dei "Canestrelli di Crevacuore" che mi ha mandato la mia amica Lucy. Appena mi ha passato la ricetta ho provato a farli ed è stato un successone.

Questa è la ricetta che Lucy ha avuto dalla sua amica Lea:

CANESTRELLI di CREVACUORE (Valsessera - Piemonte)
1 kg. di farina
500 gr. di zucchero
400 gr. di burro
100 gr. di cacao zuccherato in polvere
100 gr. di cacao amaro in polvere
2 noci moscate
2 bustine di vanillina (io uso un po' di essenza di vaniglia)
1 bicchiere di vino buono, rosso e corposo (Barbera, etc..)
1 bicchiere di rum

Tritare le noci moscate nel macinacaffè.
Amalgamare tutti gli ingredienti, lasciare riposare almeno 2 ore e poi formare le palline (come una grossa nocciola, tipo ripieno degli agnolotti).
Scaldare il ferro, posizionare le palline al centro del "quadrato" e chiudere la piastra:
cuocere circa 30 secondi per parte. Con una spatola toglierle dal ferro e "lasciarle freddare".
Si dovrebbero cuocere sulla stufa a legna... in mancanza sul fornello, a fuoco medio.
La grandezza della pallina del ripieno dipende dal tipo di stampo usato e da quanto si vogliono ottenere spessi...non devono essere troppo sottili e devono comunque avere un poco di consistenza.
In mancanza del ferro originale vanno bene anche gli stampi per fare le ferratelle abruzzesi: quello per le gauffres forse è troppo alto.
Se si usa lo stampo della ferratella mettere la pallina del ripieno (in questo caso un poco più piccola) al centro del "petalo".
Se si vuole fare una cosa carina si prepara una grossa cialda e poi si fa raffreddare su di una coppetta....si ottengono così delle bellissime e buonissime coppette per inserire (all'ultimo) una mousse o una macedonia o delle fragole.

 Con un quarto delle dosi della ricetta mi sono venuti i canestrelli che vedete nella foto.


Lo stampo che ho usato mi sembra abbastanza adatto anche se i canestrelli di Lucia erano leggermente più spessi. Ho unto con olio lo stampo e ho cotto due palline per volta, le mie palline erano un po' più grandi della dimensione di una nocciola.

A sinistra i canestrelli di Lucia, a destra i miei

Non ho usato vino piemontese ma vino toscano e quindi Chianti. Il mio vino era meno scuro di quello usato da Lucia e è per questo che i miei canestrelli sono venuti più rossicci.

La prossima volta provo a farli con la mia cialdiera elettrica  (Bifinett H-3045 - Gaufrier).


12 commenti:

marsettina ha detto...

grazie per la ricetta perfetti

Mary ha detto...

Buoni , ci vuole per forza quel attrezzo o si puo usare qualcosa di simile ?

Laura ha detto...

Grazie a te Marsettina.

Mary io ho già usato qualcosa di simile perché non ho mai visto il ferro originale. Provaci

Anonimo ha detto...

BRAVISSIMA, come sempre.
Il colore "più rosso" è dovuto al tipo di vino usato: io un Bramaterra (quello avevo aperto), te un Chianti che è rosato. Può anche dipendere dal cacao amaro usato (io uso sempre e solo quello della L...t) ed il risultato è più scuro che non con altri cacao.

Lo stampo...può andar bene, si avvicinare di molto all'originale!
Uno SMILE Grandissimo ed un baciotto all'erba cucca!!!
Lucy

Laura ha detto...

Eccola la Lucy dei canestrelli!
Ma quanto mi piacciono! Grazie ancora

raffy ha detto...

li adoro...ma si possono anche cuocere in forno?! mi interessa particolarmente questa ricetta perchè non ci sono le uova... attendo tue notizie!!!

Pinella ha detto...

Fantastica ricetta, Laura!!!

Laura ha detto...

Raffy non credo. Nella foto non si vede ma la cialdiera ha i manici di legno.

Grazie Pinella, sono buonissimi e come dice Lucia: uno tira l'altro.

Anonimo ha detto...

Fantastici Laura! non che avessi dei dubbi ma vederli è un grande piacere... chissà mangiarli!
ciao ciao Patti

Mirtilla ha detto...

ma che buoni!!perfetti con il gelato :)

LAURA ha detto...

Che buoni!!!
Anch'io vorrei comprare una cialdiera, ma non è facile da trovare, spero di trovarla presto, intanto mi segno la ricetta!!!

Antonella ha detto...

Io amo i canestrelli, mi ricordano la mia infanzia.. sono buonissimi.. purtroppo non ho il ferro per farli.. ma il loro gusto e sapore sono e saranno sempre nel mio cuore.
Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...