Pagine

venerdì 18 marzo 2011

Frittelle di riso di San Giuseppe



Il 19 marzo, per San Giuseppe è usanza in Toscana preparare le frittelle di riso e io le faccio con questa ricetta che mi ha insegnato mia mamma.

750 ml acqua
750 ml latte
250 g riso originario (da minestra)
1 pizzico sale
150 g zucchero
5 uova
50 g farina
50 g amido di mais
scorza 1 limone
1 bustina lievito
vermut o vin santo

altro zucchero
uvetta sultanina

Si porta ad ebollizione l'acqua con il latte e il pizzico di sale, si versa il riso e si fa cuocere benissimo. Verso la fine della cottura si unisce lo zucchero. Spengere quando il liquido sarà stato tutto assorbito (il riso deve venire stracotto).
Lasciar raffreddare prima di proseguire. Io l'ho cotto la sera e ho lasciato raffreddare tutta la notte.
Unire un uovo alla volta, la farina, l'amido di mais, la scorza grattugiata del limone, il lievito e il vermut.
Friggere in olio profondo poco impasto per volta (in cottura lievitano un po'). Io uso il porzionatore per il gelato, quello che ha quel ferretto che aiuta il gelato a staccarsi e questa è la quantità per una frittella.
L'uvetta l'ho messa solo in metà dose perché in casa mia non piace a tutti.
Ho fritto quindi metà dell'impasto e all'altra metà ho aggiunto l'uvetta (prima lavata, tenuta ad ammorbidire in acqua calda e strizzata)
Rotolare nello zucchero e lasciar raffreddare. Ho fatto le foto subito dopo fritte, il giorno dopo lo zucchero che le ricopre non si vede più.
Alcuni le preferiscono calde ma secondo me sono più buone fredde, il giorno dopo sono ancora meglio.

23 commenti:

marsettina ha detto...

deliziose!

Mirtilla ha detto...

ma che buone!!!

dorotea ha detto...

che buone , le proverò di sicuro sono curiosa di provare l'effetto del riso dolce.baci

Byte64 ha detto...

Buone le frittelle di riso, anche mia madre ne faceva di simili.
Peccato che qua i fritti si facciano proprio di rado, a dir molto due volte l'anno.

Se fossi un po' più comoda, verrei a elomisinartene un paio ;-)

Tlaz

Mari e Fiorella ha detto...

Buonissime le frittelle,con la ricetta della mamma....da provare!!!!!!

Federica ha detto...

mmmmmmmmm...favolose!!!baci!

raffy ha detto...

meravigliose, golose...ottime!

Patti ha detto...

Bella idea! ormai le zeppole mi escono anche dagli occhi! S.Giuseppe è il patrono della mia città e qui si fa festa 3 giorni. Cuocio il riso (usi l'originario o da risotti?) stasera e le friggo domani.. non vedo l'ora!

Laura ha detto...

Grazie a tutti.

Byte anche a me non piace friggere ma ogni tanto mi tocca.

Patti quello da minestra: l'originario e cuocilo bene.
Volevo aggiungerlo nel post e mi sono scordata, grazie per avermelo ricordato... vado ad aggiungere.

Ilaria ha detto...

Complimenti! Devono essere davvero deliziose! Proverò a farle sperando di non fare troppi danni visto che io e i fritti non siamo proprio amici, ogni volta che friggo mi scotto con l'olio! :( Ciao ciao :)

lerocherhotel ha detto...

ma che bontà queste frittelle di riso! ancor più buone con l'uvetta!

Giuky ha detto...

Che buone!!:)bravissima!!:)io le ho provate a natale un pòdi tempo fa..:)

Erica ha detto...

in questi casi... vorrei aver la forza di volontà di dire no grazie... ma è impossibile!!! eheh per fortuna non le posso prendere dallo schermo.. altrimenti chi si ferma più?!

More ha detto...

E' un peccato che queste frittele si tenda a farle solo a San Giuseppe... sono fantastiche!

Ale ha detto...

Anche al mio paese (abito sul lago di Como) si festeggia S. Giuseppe con le classiche frittelle. C'è una bellissima festa dove tutte le donne del posto per un giorno intero sono impegnate a impastare e friggere. La variante con il riso non l'ho mai provata. Grazie dell'idea! Se ti interessano ricette tipiche del lago...vieni a trovarmi ogni tanto, sto iniziando a pubblicarle. http://dolcezzedinonnapapera.blogspot.com/ Ciao!

Patti ha detto...

mmmmh... Laura penso che non aspetterò certo il prossimo San Giuseppe a rifarle!

Laura ha detto...

Grazie a tutte.

Patti le hai fatte con questa ricetta? Mi fa piacere

Patti ha detto...

Sì certo con la tua ricetta.Ho solo ridotto un po' le dosi, essendo tutte le quantità multipli di cinque è stato facile. Le mie sono venute un po' più schiacciate perchè l'impasto era piuttosto liquido sebbene abbia fatto cuocere il riso 18 minuti anzichè i 12 indicati sulla scatola. La prossima volta lo farò cuocere ancora di più. Comunque sono davvero deliziose. Anch'io, come te, trovo che fredde siano ancora più buone. Ciao e grazie! :)

Laura ha detto...

Patti hai ragione, non avevo specificato che il riso va cotto fino a quanto tutto il liquido viene assorbito e praticamente il riso è stracotto. Ho modificato il post. Sono contenta ti siano piaciute.

bignolina ha detto...

Ciao Laura, proprio oggi la mamma del mio ragazzo (sono toscani) ha fatto le frittelle di riso così sono venuta a cercare la ricetta in internet...e ho scoperto anche il tuo blog:-)mi credi che non ne avevo mai sentito parlare prima d'ora!!?chissà se possono essere cotte al forno...non linciarmiiiiii;-)

Laura ha detto...

Per carità! Perché mai dovrei linciarti?
Io queste frittelle le ho mangiate sempre così, la ricetta è della mia famiglia e mia mamma le ha sempre fritte.
Ti risponderei che non si può ma se vuoi puoi provare e se ti vengono buone magari me lo vieni a raccontare.
Ciao

bignolina ha detto...

Eccomi qui Laura!
innanzitutto gazie x avermi risposto:-)
...e poi scusa x il ritardo ma non trovavo più il fogliettino su cui avevo segnato il nome del tuo blog...
beh, non linciarmi perché è come se venissi fresca fresca a voler cambiare il metodo di cottura di una ricetta tradizionale...so che posso risultare antipatica...è che da me quando vedono i fritti...uffffff!!!!!!
cmq ho assaggiato le originali e mi sono piaciute tantissimo, ora x la festa del papà le provo anche al forno così ti faccio sapere...:-)!!!
ps: sono contenta che grazie a queste deliziose frittelline ho scoperto il tuo altrettanto delizioso blog!

Laura ha detto...

Bignolina sei simpaticissima, grazie.
Mi raccomando non perdere di nuovo il foglietto con l'indirizzo e vieni a raccontarmi del tuo esperimento. Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...