Pagine

lunedì 7 febbraio 2011

Gulasch con spätzli ai funghi e salvia

Ricetta trovata tanto tempo fa, penso sulla Cucina Italiana ma non sono sicura.
Nel tempo l'ho leggermente modificata.
Questa è la mia versione.

Preparazione: 40 minuti
Cottura: 2 ore
Dosi per 6 persone

Per il gulasch: 0,5 kg di muscolo di manzo o vitellone, 4 grosse cipolle, 30 g di paprica dolce, un cucchiaio di paprica piccante, un bicchiere di vino rosso, olio, sale, pepe

Per gli spatzle: 40 g di funghi secchi, uno spicchio di aglio, 12 foglie grosse di salvia, 400 g di farina, brodo, da 2 a 4 uova, olio, sale, pepe

Gulasch
Tagliate a dadini separatamente la carne e le cipolle e fate cuocere queste ultime in una casseruola di ghisa con 3 cucchiai di olio per 30 minuti circa, sul fuoco basso. In una larga padella unta di olio fate rosolare la carne, salatela, pepatela, bagnatela con un bicchiere di vino e lasciatelo evaporare. Trasferitela nella casseruola con le cipolle, aggiungete la paprica dolce e quella piccante e continuate la cottura per un'ora e mezzo, bagnandola di tanto in tanto con il vino rimasto.

Spatzle
Mentre il gulasch cuoce, fate ammorbidire i funghi in acqua tiepida, poi scolateli, strizzateli e tritateli fini. Tritate 6 foglie di salvia con l'aglio. Fate insaporire in padella il trito di salvia con 2 cucchiai di olio, aggiungere i funghi e cuoceteli a fuoco dolce per una decina di minuti, bagnandoli con qualche cucchiaio di brodo o di acqua, regolate di sale e pepate.

In una ciotola sbattete le uova con 2 dl di acqua calda, 2 cucchiai di olio e una presa di sale; aggiungete la farina mescolando per evitare grumi, incorporate metà del trito di funghi e salvia e lasciate riposare l'impasto per 20 minuti.

Questo è il metodo antico per preparare gli spatzle, adesso esiste uno strumento apposta ed io ho usato quello.
Portate a ebollizione una pentola di acqua bollente salata. Spalmate con un coltello qualche cucchiaio di impasto sopra un tagliere di legno abbastanza leggero. Mettetevi col tagliere sopra la pentola di acqua bollente, immergete la lama nell'acqua, poi inclinate il tagliere e con la lama fate scendere nell'acqua piccole porzioni di impasto lunghe e strette. Non appena gli gnocchetti vengono a galla, scolateli con il mestolo forato e teneteli in caldo. Continuate fino a esaurire l'impasto.

In una larga padella riscaldate il trito di funghi e salvia rimasto, aggiungete gli gnocchetti e lasciateli insaporire per qualche minuto. A parte soffriggete le foglie di salvia intere con 2 cucchiai di olio, aggiungetele agli gnocchetti e servite con il gulasch.


Un'altra ricetta con gli spatzle è qui: spätzli con le rape rosse.

9 commenti:

raffy ha detto...

che piatto...sono senza parole... bravissima Laura, davvero!

Rosetta ha detto...

Piatto meraviglioso, sembra laborioso ma è di una soddisfazione unica.
Mandi

RicetteAmoreFantasia ha detto...

Il goulash l'ho mangiato al ristorante ma non l'ho mai preparato, e tu mi ha fatto venire voglia di provarci la tua ricetta mi sembra ottima!
Ciao a presto

Francesca ha detto...

Non sei sicura??? Cara è meravigliosa!!!

Erica ha detto...

E' una vita che vorrei fare il gulasch! il tuo sembra buonissimo davvero :>

Ramona ha detto...

Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

Ramona ha detto...

Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

rosalia.fly ha detto...

Ma lo sai che io l'ho cucinato sabato sera? con la polenta.
Prima di mettermi a dieta volevo gustare qualcosa di buono.
Ciao

Anonimo ha detto...

E' un piatto veramente "importante".
provero' la tua ricetta.
Grazie
StefaniaA

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...